Notizie Flash
Home / Urbanpress / Apolide Festival: cresce la line up!

Apolide Festival: cresce la line up!

SAMUEL & FRIENDS

ALICE MERTON (DE) – MINISTRI – DIGITALISM dj set 

M¥SS KETA – DJ GRUFF feat. GIANLUCA PETRELLA – BIANCO – TÉMÉ TAN (BE)

DAN OWEN (UK) – POPULOUS dj set – JOAN THIELE – BRUNO BELISSIMO

C+C=MAXIGROSS  – INDIANIZER – ANDREA POGGIO – TECH NOIR – YOSH WHALE

XANAX PARTY – KRANO – GRIMM GRIMM (JP) – TOBJAH 

HALLELUJAH MOTHER HELPERS (CH) – HOFAME – GIANNI DENITTO – SABASABA – YOUR PERSONAL SANTA CLAUS (NL) – TUTTI I COLORI DEL BUIO – HEART OF SNAKE – LECHUCK – TOM NEWTON – FEDERICO PIANCIOLA – NIGRO&VIETTI – GAMBO – EMILIANO COMOLLO – ANDREA PASSENGER – CIPI – CRISTIAN BEVILACQUA – SIMONE CERROTTA aka PRIMITIVE – STAY G – WHAAT? feat. GIORGIO GAMBA + MARCO CAIROLA + DANIELE FASANO – PAOLO LOCCI – ALICE BINANDO – CIRCOLUCE – ANDREA POMELLA – MATTEO B. BIANCHI

Uno scenario naturale tra i più belli del nostro paese, un anfiteatro scavato dal ghiaccio e circondato dalle colline, tra gli alberi del bosco di Vialfrè – Torino. Apolide festival, dal 19 al 22 luglio 2018 nelle Valli del Canavese, è orgoglioso di annunciare il programma completo della sua terza edizione a partire dall’unica data estiva di Samuel in cui il frontman dei Subsonica sarà accompagnato da molti ospiti.
Un concerto- evento che si aggiunge ai dj set di Populous e dei Digitalism e ai live di Alice Merton, Ministri, Témé Tan, M¥SS KETA, Dj Gruff Feat. Gianluca Petrella, Dan Owen, Andrea Poggio, Bianco, Bruno Belissimo, Joan Thiele, C+C=Maxigross, Indianizer, Technoir, Grimm Grimm e tantissimi altri artisti per un totale di quasi 50 live dal mattino alla sera.

Anche quest’anno Apolide è organizzato dall’Associazione Culturale TO LOCALS e da Dunter e promette al suo pubblico di tutte le età e nazionalità 72 ore di evasione dalla quotidianità all’insegna della buona musica e non solo. Installazioni luminose, arte, teatro, letteratura, sport, enogastronomia, campeggio, relax e attività per bambini in un contesto naturale eccezionale, a soli 30’ minuti da Torino e 50’ da Milano: questi gli ingredienti speciali di un festival che in poco tempo si è guadagnato il soprannome di “Green Man Festival italiano”, entrando a far parte di ​Italian Quality Music Festival ​e di ETEP, lo European Talent Exchange Program, insieme alle più grandi manifestazioni del mondo.

Una line-up che fa della eterogeneità e della qualità musicale il proprio spirito guida e 3 palchi su cui si alterneranno più di 50 artisti provenienti da tutto il mondo: il MAIN STAGE, dove si esibiranno alcuni dei nomi più interessanti della scena musicale nazionale e internazionale, il BOOBS STAGE, un’area raccolta dedicata a chi ama concerti acustici, incontri e reading, e il SOUNDWOOD STAGE, per gli amanti dell’elettronica e della sperimentazione sonora.

3 i campeggi attrezzati, immersi nel bosco e compresi nel costo del biglietto, che Apolide offre al suo pubblico: il JOONGLA CAMP, a pochi passi dai palchi, per i più giovani e gli appassionati di musica che non vogliono perdersi nemmeno una nota; il QUIET CAMP lontano dal centro di Apolide, pensato per chi ama la quiete e il FAMILY CAMP dotato di ogni comfort per genitori con figli piccoli, dedicato a chi vuole regalarsi un sano momento di relax e festa senza lasciare i propri bimbi a casa.

IL PROGRAMMA DI APOLIDE

Sul MAIN STAGE giovedì 19 luglio sarà protagonista – per la sua unica data estiva piemontese – una delle rock band nostrane più importanti, i Ministri. Reduci dal successo del tour nei club di “Fidatevi”, l’ultimo disco pubblicato a marzo, promettono un live suonato dalla prima all’ultima nota, senza l’ausilio della tecnologia.
Prima di loro, il melting pot di sonorità elettroniche, R’n’B e soul dei campani Yosh Whale, il duo electro soul/nu jazz dalle radici multiculturali Technoir e Joan Thiele, artista di origini italo-svizzero-colombiane che presenterà l’ultimo singolo “Polite” tra groove funky e atmosfere synth pop. A seguire, si balla tutta la notte con lo Xanax Party: lo storico giovedì notte torinese si sposta dalla città per una one night nel bosco.

Venerdì 20 luglio arriva la songwriter anglo-tedesca Alice Merton, nuova stella del pop internazionale, che con il suo singolo “No roots” ha conquistato l’airplay e la vetta delle classifiche di tutto il mondo (prima donna in classifica su Billboard USA dal 2014 dopo “Royals” di Lorde). Dopo le partecipazioni al “Tonight Show” di Jimmy Fallon, al ”The One Show” della BBC e a “Che Tempo Che Fa” di Fabio Fazio, arriverà ad Apolide con la sua contagiosa energia.
A precederla M¥SS KETA, misteriosa performer mascherata e rapper dall’attitudine punk, dal verbo dissacrante ed eccessivo. Accompagnata sul palco dalle inseparabili “Ragazze di Porta Venezia”, aizzerà il pubblico del festival con i successi che l’hanno resa celebre come “Milano sushi e coca”, “Burqa di Gucci” “Xananas”, insieme ai brani di “UNA VITA IN CAPSLOCK”, il primo album uscito ad aprile 2018 per Universal/La Tempesta.
Oltre alle due hit-girl, saliranno sul palco l’istrionico polistrumentista afro-belga Témé Tan, “il nuovo Stromae” che ad Apolide presenterà il suo album d’esordio omonimo osannato dalla critica internazionale: musica nomade, futuristica e tradizionale al tempo stesso, un mix che ha fatto innamorare i produttori di FIFA 2018 che hanno sincronizzato nel noto videogame il suo singolo “Ça Va Pas La Tête”. Ed ancora Andrea Poggio, nuova rivelazione della scena cantautoriale italiana, con “Controluce”, il suo sorprendente disco d’esordio edito da La Tempesta Dischi.
La serata termina con il dj-set di Populous, producer salentino tra i più interessanti e più conosciuti a livello internazionale, di ritorno dalla sua partecipazione al Primavera Sound.

Sabato 21 luglio sarà il turno di Samuel che dopo i grandi riscontri de “Il Codice Della Bellezza Tour” – il primo da solista – si esibirà ad Apolide per la sua unica data estiva accompagnato da una formazione speciale, una travolgente big band composta da tanti musicisti e amici per un concerto in cui l’elettronica si mescola felicemente a momenti pop, rock e acustici. Gli ospiti saranno svelati via via durante il percorso che ci porterà al Festival. I live del giorno cominciano con tanti altri artisti: i veronesi C+C=MAXIGROSS, che si esibiscono in tutto il mondo e nelle location più svariate, da festival come il Primavera Sound ai rifugi sopra i 2000 metri. Il collettivo folk farà ascoltare i brani del nuovo disco “Nuova Speranza”, un ritorno all’uso della lingua italiana realizzato insieme a Miles Cooper Seaton (Akron/Family) e al cantastorie senegalese Alioune Slysajah.
Bianco, il talentuoso compositore, chitarrista, produttore artistico e cantautore torinese suonerà i brani del suo quarto album “QUATTRO”.
Per la prima volta in Italia dal Regno Unito arriva invece uno dei talenti più entusiasmanti della scena britannica di oggi: Dan Owen. Capelli ricci e occhi azzurri, 25 anni, con la sua chitarra e la sua voce profonda incanta platee fin dall’adolescenza. Il suo singolo “Moonlight” (Atlantic Records 2017), ha ottenuto immediatamente le attenzioni di critica e pubblico di tutto il mondo.
La notte si fa poi rovente con l’imperdibile dj set dei Digitalism, il duo elettronico di Amburgo, tra le realtà più importanti e festose del clubbing mondiale, con all’attivo collaborazioni con Julian Casablancas degli Strokes e remix per Depeche Mode, White Stripes e Daft Punk.

Domenica 22 luglio in calendario due nomi che descrivono due mondi, un rapper che da trent’anni continua a segnare la storia dell’hip-hop italiano con basi, parole e dischi, e un trombonista tra i più noti al mondo, che ha perfettamente compreso l’evoluzione multidirezionale del suo genere madre, il jazz: Dj Gruff Feat. Gianluca Petrella ovvero rap e scratch che incontrano note e improvvisazione in un mix inedito e intrigante.
A seguire gli Indianizer, progetto nato nel 2013 che porterà sul palco il secondo full-lenght “Zenith”, nato da jam session libere: suoni organici, acidi e sintetici che avvolgono una pulsazione ritmica e ossessiva per mischiarsi a un parlato inglese, spagnolo e a una lingua inventata.

Il BOOBS STAGE è il palco dell’area di decompressione di Apolide 2018. Un punto raccolto dedicato a chi ama concerti acustici, incontri e reading.
Si parte con i breakfast live, i concerti mattutini che vedranno protagonisti Federico Pianciola (venerdì 20 luglio), Tom Newton (sabato 21 luglio) e Heart of Snake (domenica 22 luglio) per poi proseguire con i concerti pomeridiani. Venerdì 20 luglio spazio ai suoni emo e post-rock dei Lechuck e alla chitarra e ai synth di Grimm Grimm, etereo progetto di Koichi Yamanoha, folksinger giapponese residente a Londra, già membro della band psichedelica britannica Screaming Tea Party. Sabato 21 luglio toccherà invece all’acid folk- soul di Tobjah, voce e chitarra dei C+C MAXIGROSS, domenica 22 luglio al “piccolo diario personale” di HOFAME.
La sera è dedicata ai live in elettrico: si comincia giovedì 19 luglio con Your Personal Santa Claus, Tutti i colori del Buio e Sabasaba, per proseguire venerdì 20 con Krano e Gianni Denitto e concludere in bellezza sabato 21 luglio con il sound libertino degli svizzeri Hallelujah Mother Helpers e Bruno Belissimo, produttore e polistrumentista Italo-Canadese dal sound unico, influenzato dai classici dell’italo/space disco italiana e dalle colonne sonore dei film horror/sci-fi di fine anni ’70.

Ancora, sabato e domenica lo spettacolo di Paolo Locci e Circoluce e due presentazioni di libri in collaborazione con La Grande Invasione di Ivrea: Andrea Pomella parlerà del suo “Anni Luce” (ADD editore) sabato 21 luglio, mentre domenica 22 luglio Matteo B Bianchi, autore di “Yoko Ono” (ADD editore), si cimenterà in un’impresa eroica: spiegare al pubblico perché amare la “giapponese più odiata del rock”.

Infine non poteva mancare un palco per gli amanti dell’elettronica e della sperimentazione sonora. Sul SOUNDWOOD STAGE si alterneranno per tutto il festival le maggiori personalità del clubbing torinese, proponendo il sabato la migliore disco funky house e la domenica, dalla tarda mattinata al primo pomeriggio, un tripudio di Italian Beat. Tra i nomi ai piatti Gambo, Nigro&Vietti, Emiliano Comollo, Christian Bevilacqua, Cipi, Stay G, Whaat? Fest. Giorgio Gamba + Marco Cairola + Daniele Fasano, Simone Cerrotta aka Primitive e Andrea Passenger.

Di Maruska Pesce

Maruska Pesce

Controllare

INDIEGENO FEST 2018

3-9 agosto, Golfo di Patti 7 agosto – COSMO (Unica data siciliana del tour estivo) …

Lascia un commento