Home / Live Report / The Zen Circus live @Hiroshima Mon Amour: pubblico esaltato con la voglia di farsi male

The Zen Circus live @Hiroshima Mon Amour: pubblico esaltato con la voglia di farsi male

Ospiti fissi a Torino, almeno una volta l’anno come il Natale, vengono gli The Zen Circus al Hiroshima Mon Amour, locale storico di tutte le band emergenti e non della scena rock.
I biglietti erano già sold out due giorni prima del live, questo ci fa capire quanto il pubblico torinese possa amare questo trio composto da Andrea Appino, Karim Qqru ed Ufo, con l’aggiunta però di un quarto elemento che è Francesco Pellegrini, che sul palco suona la chitarra.
Gli Zen Circus con varie date, stanno facendo conoscere e amare il loro ultimo album La terza guerra mondiale, portandoci anche una sorpresa ad inizio concerto, ovvero l’apertura con Erin K, cantante londinese anti-folk che ha fatto uscire il suo primo album prodotto da Andrea Appino.
Il concerto ha fatto contenti tutti quanti, anche i vecchi amanti del disco “Villa inferno” con “Figlio di puttana”; continuando anche con molte canzoni dell’album che li ha resi celebri ovvero “Andate tutti a fanculo” portando live anche la canzone dà il titolo al disco e tanti brani amati come “L’egoista”, ci augurano anche delle buone feste con “La canzone di Natale” facendoci salutare Abdul e potete immaginarvi il pogo durante la canzone “Gente di merda” oppure con “I qualunquisti ” o ancora con “L’amorale”, estratti dal disco “Nati per subire”.
Continuano il loro concerto, con il pubblico esaltato e voglioso di ballare e di farsi male, sotto la canzone “Ventanni”; mentre invece live hanno riportato quasi tutte le canzoni del loro nuovo album molto amato e apprezzato dalla critica “La terza guerra mondiale”, brani come “Zingara – il cattivista”, “Ilenia” e Andrea ci ha invitato tutti da Horas dopo il concerto con la canzone ” San Salvario “.
Gli Zen Circus sono sempre loro, con un energia che il pubblico esige e accoglie distruggendosi sotto il palco, con l’emozione che possono dare canzoni come ” Viva” o “L’anima non conta” .
Un meritato sold out per questo trio, la redazione e non solo,  non vede l’ora di rivederli ancora una volta dal vivo, per scatenarsi insieme a tutti quanti e fare una gran festa.

Di Amministrazione

Amministrazione

Controllare

Niccolò Fabi Urbanweek Live Report

Niccolò Fabi: Vent’anni di qualità suonati bene!

Vent’anni di qualità suonati bene! Mentre le radio passano tormentoni estivi che muoiono da lì …

Lascia un commento